Skip to content

Alcuni Haiku

settembre 21, 2012

Ecco alcuni haiku che ho scritto: poesie di origine giapponesi, di tre versi, che anche quando descrivono stati d’animo lo fanno attraverso la realtà fisica.

I miei haiku però non parlano di alberi accarezzati dalla brezza e di cascate illuminate dal sole, ma di ambienti reali e non necessariamente “aulici”, come una piccola stazione o i caruggi.

Se ne avete voglia, date un’occhiata anche ai miei Horror Haiku (ne seguiranno altri).

Attendo come sempre i vostri commenti!

Il vento muove l’erba
fra i binari –
aspettiamo.

Scricchiolio improvviso
nel buio –
sono stato io?

Il piede lento danza
una ciabatta s’aggrappa
all’alluce.

Odore intenso
il caffè riempe la tazza
ed è tomba d’una mosca.

Bottiglie sul tavolo
del vino rimane l’odore
e la voglia.

Corre veloce un topo
odore di piscio nel buio
voci lontane.

Annunci

From → Haiku, Poesie

2 commenti
  1. Complimenti! ….dei quadri sintetici ed esaustivi dei caruggi!

    • fuoricontesto permalink

      Grazie!
      Solo l’ultimo è sui caruggi: topi e pipì rappresentano la loro vera essenza, in barba ai turisti che seguono le loro guide con le bandierine colorate che fanno discorsi sui saraceni e su Augusto Vacca. Gli altri penso di averli scritti in giro per l’Italia 🙂

Sì, puoi scrivere un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: